A: tutti i motori a combustione interna e i macchinari industriali hanno bisogno di essere lubrificati per funzionare. Durante l’utilizzo, l’olio si consuma e subisce trasformazioni chimico-fisiche che lo rendono non più idoneo a continuare il servizio e per questo occorre sostituirlo regolarmente. L’olio usato è un rifiuto pericoloso perché può essere molto inquinante se disperso nell’ambiente per cui va raccolto in spazi preposti.

B: la raccolta e lo stoccaggio degli oli usati avviene tramite concessionari autorizzati. Il Consorzio Nazionale per la Gestione, Raccolta e Trattamento degli Oli Minerali Usati (CONOU) assicura da oltre 30 anni su tutto il territorio nazionale la raccolta degli oli lubrificanti usati, che vengono destinati in via prioritaria all’industria della rigenerazione.

C: il deposito degli oli avviene presso centri di stoccaggio temporali dedicati dove vengono trasferiti una volta raccolti. Le analisi chimico-fisiche stabilite dalla legge sono condotte per determinare le caratteristiche degli oli usati e stabilire la destinazione finale. La rigenerazione è il sistema di trattamento preferenziale. Le alternative alla rigenerazione, qualora le analisi non siano favorevoli, sono la combustione e in ultimo la termodistruzione.

D: Viscolube prende in carico l’olio usato e lo trasforma attraverso un processo tecnologicamente avanzato in nuove basi lubrificanti con caratteristiche qualitative simili a quelle delle basi derivanti direttamente dalla lavorazione del greggio.

E: le basi rigenerate tornano sul mercato e rientrano nel circolo della lubrificazione.